Poesia metropolitana 3

foto_croce

Oggi giochiamo.
Ti dirò subito – anche se già lo sai – che a Milano ci sono quattro linee di metropolitana, e tutte hanno un colore: giallo, rosso, verde, lilla. I daltonici potrebbero non essere d’accordo, ma per la stragrande maggioranza dei milanesi questi sono i colori e questi restano. Tra l’altro, chi segue il mio blog sale spesso con me in metropolitana, e si muove ormai con disinvoltura nella sotterranea di Milano. Comunque oggi prenderemo la linea gialla: non ti preoccupare, pago io il biglietto. Partiamo da Rogoredo andando verso il centro.
E ora la poesia.
Come la poesia? Che cosa c’entra adesso la poesia con la metropolitana?
C’entra: oggi scriviamo una poesia metropolitana.
Ci sediamo belli comodi a Rogoredo (a Rogoredo trovi sempre un posto libero sul metrò), prendiamo carta e penna e scriviamo le parole che ci colpiscono del cartellone pubblicitario che ci capita davanti a ogni fermata che facciamo, fino ad arrivare in centro. Ovviamente le frasi e gli slogan cambieranno in base al posto che occupiamo sul metrò. Se siamo nella carrozza in fondo o in testa vedremo pubblicità diverse. Semplice, no?

In base al posto dove siedo oggi ho trascritto queste parole:

ROGEREDO: Jesus Christ Superstar
PORTO DI MARE: L’avventura musicale di Topolino
CORVETTO: Jesus Christ Superstar
BRENTA: 40 giorni al 40%
LODI: –
PORTA ROMANA: Jesus Christ Superstar
CROCETTA: Guarda tutti i trailer su wwwsceglilfilm.it
MISSORI: Tutta la precisione di un orologio svizzero
DUOMO: Non ci perdiamo mai di vista

Salta subito all’occhio che se vuoi vedere un musical a Milano, in questi giorni c’è Jesus Christ Superstar in cartellone… ma non è questo il gioco.
Il gioco è la poesia, per ora senza titolo anche se una mezza idea io ce l’avrei, i cui versi recitano:

Jesus Christ Superstar,
l’avventura musicale di Topolino.
Jesus Christ Superstar,
40 giorni al 40%.

Jesus Christ Superstar
guarda tutti i trailer su wwwsceglilfilm.it.
Tutta la precisione di un orologio svizzero.
Non ci perdiamo mai di vista.

Che dirà la critica? Dirà che è un bel patchwork, con una vena pop: un mix di coro gospel e tentazioni scontate nel deserto, un po’ di Assoluto in stile disneyano caricato su Youtube, un rapporto sessuale a ore, ma con il finale sorprendentemente aperto all’amore e alla speranza.
Non è Leopardi, lo so. Ma lui mirava interminati spazi di là da quella. Io, al contrario, posso mirare solo i muri della Metropolitana 3. Domani faccio un giro sulla verde, vieni anche tu?

Post scriptum: se nel frattempo viaggi, prendi la penna in mano, questo è il meccanismo, il resto lo fai tu. Se poi vuoi mandarmi la poesia che nascerà sotto i tuoi occhi, la commenteremo insieme. Parlando invece seriamente, qualcuno la chiama poesia combinatoria, altri automatica. Per me è solo un gioco di parole.
Ma che possiamo fare noi che amiamo scrivere, se non giocare con tutto quello che ci capita?

Annunci

4 commenti

Archiviato in Moleskine

4 risposte a “Poesia metropolitana 3

  1. Jesus Christ Superstar all’ Arcimboldi. Ne sento parlare da un bel po’. Carina la tua poesia!

    • Jesus Christ Superstar all’Arcimboldi, grazie Chiara, ultimi biglietti. Il primo post di poesia-in-formazione. Poi non andate a dire in giro che non ve l’avevamo detto…

  2. Il “non ci perdiamo mai di vista” finale è semplicemente geniale! 😉

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...