Smancerie editoriali

foto_limone

«In linea di massima i vezzi si dividono in due categorie: i vezzi brillanti e i ricercati. I primi tendono a comparire nei dialoghi, quando per esempio un personaggio ha un’uscita particolarmente pregnante ma del tutto fuori luogo, cioè senza che la situazione o la sua stessa natura la giustifichi. I vezzi ricercati di solito compaiono nelle parti descrittive, spesso nelle metafore, quando tutto d’un tratto la scrittura fa una strana impennata e il lettore resta lì a domandarsi perché».

Pat Walsh

Annunci

Lascia un commento

Archiviato in Arti e mestieri

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...