Quale lingua parleremo?

foto_lettere_alfabeto_1

Ci sarà in futuro una «lingua d’Europa»? E quale sarà? Bella domanda la seconda, se la risposta alla prima fosse Sì; ma ora vediamo…

Nell’Unione Europea ci sono già alcune lingue ufficiali, non tutte quelle di tutti i paesi membri; ma in tutte le lingue di tutti i paesi membri vengono tradotti tutti i documenti dell’Unione, perché tutti i cittadini dell’Unione devono essere in grado di leggerli, se vogliono, senza essere costretti a imparare una lingua oltre a quella, o a quelle, che già conoscono. Ci sono state anche polemiche sull’enorme costo dell’apparato di traduttori che questo sistema richiede. Ma la democrazia ha dei costi.

Poi c’è lo stato di fatto, e c’è non solo in Europa, ma nel mondo. Chi si muove per l’Europa o per il mondo sa di potersela cavare più o meno dovunque parlando un po’ di inglese; e ci sono paesi nei quali tutti parlano inglese, e abbastanza bene, come l’Olanda; ma non è che per questo non esista più il neerlandese, prima lingua ufficiale, e soprattutto lingua naturale parlata da tutti in Olanda. Così credo che andrà, anzi mi sento di dire che sicuramente andrà così, in tutta Europa. L’uso dell’inglese è bene che si diffonda, per intendersi tra un paese e l’altro; i tentativi di creare lingue artificiali, come l’esperanto, non hanno mai funzionato. Ma niente può ammazzare le lingue naturali. Non le ha ammazzate, del resto, l’uso universale del francese nel Sette e Ottocento (alla corte russa si parlava francese; e Manzoni scriveva con maggior facilità in francese che in italiano, lo confessa lui stesso in diverse lettere), né l’uso dominante dello spagnolo nel Seicento. Oggi tocca all’inglese, e forse questo predominio durerà a lungo. In futuro, chissà? Continuerà così o prevarrà il portoghese, o il cinese, o magari l’arabo? Vedremo, anzi vedranno forse quelli che oggi sono bambini. Intanto, però, se andate in California, all’aeroporto trovate tutte le scritte in due lingue: inglese e spagnolo. Inglese americano, ovviamente; e spagnolo sudamericano. Il mondo cambia.

Annunci

9 commenti

Archiviato in Dove vanno le parole

9 risposte a “Quale lingua parleremo?

  1. Ricordo di averti posto proprio io queste domande, qualche mese fa. Provo tristezza verso la mia lingua, che reputo bellissima, ma non ci posso fare più di tanto. Tuttavia noto che già gli americani trovano una certa difficoltà a capire gli inglesi… Forse l’idea di una lingua dominante in tutto il mondo è, per il momento, ancora artificiosa. Che ne pensi?

    • Sì, effettivamente questa è la risposta a una domanda che avevi posto qualche tempo fa. Per un disguido era andata persa e l’ho recuperata solo ora. Che dire? Non credo a una lingua dominante, la lingua alfa, che ammazza le altre. Forse esistono più lingue inglesi di quante siano quelle ufficiali, e un po’ si fanno concorrenza l’un l’altra. Ma sopravvivremo anche noi.

  2. Discussione molto interessante. Probabilmente anche la lingua “dominante” è parte dei grandi cambiamenti ciclici della storia: infatti parli di spagnolo e francese come lingue importanti in passato. Prevedere il futuro credo sia piuttosto difficile: mi sono immaginata gli Italiani del 400, per esempio. Cosa avrebbero detto se avessero saputo che oggi per viaggiare serve conoscere l’inglese? Secondo me non ci avrebbero creduto 😉 Non capisco però la risposta di Salvatore all’articolo, perché tristezza verso la tua lingua? L’italiano è una lingua ricchissima e, nonostante tutto, abbastanza studiata, nella quale si producono ancora opere di un certo valore. Io sono più preoccupata per tutte quelle lingue che stanno veramente scomparendo, lingue di piccole comunità inglobate da un’occidentalizzazione che sta divorando tutto. Lingue che spesso sopravvivono soltanto attraverso una trasmissione orale. Quello che penso, riguardo questo argomento, è che si dovrebbe educare a riconoscere e amare la differenza, così come si dovrebbe mostrare la reale abbondanza linguistica del mondo, perché a volte mi sembra che molti pensino che lo studio delle lingue si limiti a inglese, francese, tedesco e spagnolo. Io, comunque, amo alla follia la mia lingua, e sono fiera di parlare italiano! 🙂

    • Hai perfettamente ragione. Se avessero detto a Cesare che il latino sarebbe diventato una lingua morta, forse non avrebbe conquistato le Gallie. Eppure è successo. Credo che la varietà linguistica, e includo anche i dialetti, sia una ricchezza e un patrimonio dell’umanità che vada salvaguardato come le bellezze naturali, le specie animali e vegetali, o i monumenti del passato. Questo al di là di concezioni ideologiche, partitiche, folcloristiche. Ogni volta che muore una lingua, per quanto piccola e legata a una precisa zona geografica e popolazione, perdiamo tutti qualcosa.
      Fiero di essere italiano, ma anche siciliano, calabrese, piemontese, napoletano, sardo…

    • Tristezza, perché mi sembra un po’ messa da parte da una anglofonia dominante e appiattente (si dice così? Vedi? Neanch’io so più parlare italiano ormai…)! 😛

  3. Il prossimo anno mio figlio frequenterà le Superiori: sapevate che esiste il liceo scientifico internazionale con due opzioni: anglo-cinese ed anglo- arabo?
    Ai miei tempi esisteva l’inglese e basta!
    Ma mio figlio ha scelto di studiare il buon vecchio greco al Liceo Classico! 🙂

    • Non lo sapevo. Tra l’altro ho grosse difficoltà già con l’italiano standard…
      Il buon vecchio greco, giusto non dimenticarlo. Credo che alla fine siamo culturalmente più affini ad Aristotele che a Jack Ma di Alibaba. Voglio poter comprare prodotti online in greco antico, oltre che in anglo-cinese.

  4. Questo argomento è uno dei punti salienti del romanzo che sto scrivendo quindi non posso dir nulla… anche se muoio dalla voglia di dire quel che ne penso… mi piacciono le tue argomentazioni. Prima o poi ti risponderò 🙂

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...