Coppie scoppiate

foto_faccia_mani

Ieri ero impegnato – per la verità lo sono anche oggi – e quindi ho postato una delle tante e veloci citazioni sulla scrittura che mi capita di incontrare nelle mie letture quotidiane. Con una bella immagine lo scrittore Alphonse Daudet notava che la coppia di parole sostantivo più aggettivo produce un matrimonio noioso e sbiadito quando i termini accostati sono logorati dall’abitudine di andare sempre a braccetto, scadendo in cliché espressivi, sintomo di pigrizia mentale.

Al contrario, se tra sostantivo e aggettivo nasce una relazione occasionale ecco scattare la scintilla che produce originalità ed emozione nella lettura. Insomma, le coppie noiose sono noiose tutte allo stesso modo, quelle originali sono originali in modi sempre diversi. Nel primo caso l’aggettivo è moglie, nel secondo amante del sostantivo. Il sostantivo è quindi autorizzato a farsela un po’ con tutti. Uno scrittore di valore andrà sempre alla ricerca di rapporti occasionali tra le parole, gli unici in grado di realizzare quell’emozione sorprendentemente espressiva perché inaspettata.

Il commento di oggi, aperto davvero a tutti, in fondo bastano due parole, è di mettere in risalto la moltitudine di matrimoni «scoppiati» tra sostantivo e aggettivo. Inizio con quelli che sono emersi nel post di ieri, allungare l’elenco spetta a tutti noi, per la migliore scrittura di tutti.

Killer spietato
Amore impossibile
Cittadina ridente
Attesa snervante

Se oggi incontrerete per strada, al lavoro, nella pubblicità, sui libri, in tv simili coppie – e le incontrerete di sicuro – fatemelo sapere.

Annunci

50 commenti

Archiviato in Dove vanno le parole

50 risposte a “Coppie scoppiate

  1. Grilloz

    Silenzio assordante: era nata come una copia aperta, tutti parlavano della loro diversità, dei loro contrasti, e di come questo li facesse stare bene insieme, e poi sono finiti nella più noiosa delle relazioni.

    P.S. questo post sembra un po’ rispondere al mio commento dell’altro giorno 😛

    • Direi di sì, è stato uno stimolo interessante il tuo, altrimenti perché dare la facoltà di commentare se non per allargare la discussione? Silenzio assordante, ottimo esempio di come un’espressione nuova con l’abuso diventi logora. L’aggiungiamo, ne voglio altre lungo la giornata.

  2. Noia mortale
    Luce accecante
    Ricco sfondato

    I primi che mi vengono in mente; magari, ne trovo altri…

  3. Grilloz

    Voce suadente

  4. …Rabbia cieca
    Oscuro presagio
    Mente malata
    Ricchi premi
    Lacrime amare
    Studente modello…

  5. Coitus interruptus… ops, forse ho sbagliato coppia… XD

  6. Grilloz

    Ma se il patrimonio è la tomba della passione, la poligamia dove la mettiamo? Ovvero quanti aggettivi può avere un sostantivo?
    E se un sostantivo ha una moglie noiosa e un’amante intrigante? Tipo: Silenzio colloso e assordante? (non chiedetemi cosa sia un silenzio colloso, non ne ho idea :P)

  7. Grilloz

    Delitto efferato
    clima rovente
    dolore lancinante

  8. Grilloz

    Per restare in tema:
    coppia scoppiata

  9. Grilloz

    Mi faccio perdonare con acqua cristallina o mare cristallino.
    Il mare può anche essere tempestoso o placido o calmo (ma calmo è proprio la primissima moglie, insomma, era ancora giovane ed inesperto)

  10. Mi porto avanti citando un amante che ho molto gradito:
    Cielo croccante.

  11. Male incurabile
    Sorriso splendente

  12. Sante parole le tue, come spessissimo accade.
    Solo che per colpa tua, adesso ho in mente un “killer ridente”, nel senso proprio di solare, non irridente. Finirà che dovrò scriverci una storia…

  13. Grilloz

    Aria frizzante

  14. iara R.M.

    Testa calda
    Vicolo cieco
    Notte fonda
    Cuore/mani d’oro

    Anima viva e amico del cuore possono valere?

    • Anima viva direi di sì. Amico del cuore è un modo di dire sfruttato, certo. Mi pare però un peccato veniale rispetto agli altri (peccato veniale potrebbe valere? Lo chiedo ora io a te) 🙂

      • iara R.M.

        Beh, si certo. Detto da te vale tutto :-p

        Seriamente, credo che se si riesce a trovare un modo nuovo per esprimere la stessa cosa, allora vale e vale la pena pensarci. 🙂

        Ne ho un’altra: cuore infranto.

      • Mai prendermi sul serio: Sbaglio a raffica…
        Domani si gioca con tutto ciò che troviamo oggi, d’accordo?

        Aggiungo:
        Quieto vivere
        Osservato speciale

  15. Grilloz

    Buono come il pane, che però in realtà sono due sostantivi, un matrimonio gay direi, ma noi siamo di mente aperta, no?

    • Buono come il pane è sfruttatissimo, sì. Però rientra nelle similitudini, famiglia affine ma di ramo diverso, più nobile direi. Matrimonio gay no: la definizione è strausata perché se ne parla tanto ma è la semplice contrazione di matrimonio tra due gay. Non è un cliché, è il modo per definire una forma di unione tra individui.

      • Grilloz

        No, intendevo matrimonio gay quello tra buono e pane essendo entrambi sostantivi, cioè buono sarebbe un aggettivo, ma qui è usato come sostantivo, una sorta di transgender… ok, non ci sto capendo più niente 😀

      • Ho letto male il commento, colpa mia. 😀

        Certo, spesso il sostantivo ha funzione aggettivale. Nel caso della frase buono come il pane resta aggettivo. Se dico il buono del pane, ecco che buono diventa sostantivo. Ma non vorrei dire stupidate, il maestro di grammatica è l’Anfuso-Serianni. Chi meglio di lui può risolvere l’enigma?

      • Non ci stiamo a capire più niente in due, avevo frainteso la frase. 😀

  16. Sfogliando i quotidiani di oggi:
    Gioco sporco
    Minimo storico
    Atti osceni
    Posto fisso
    Criminalità organizzata

  17. Aspetta! Ne ho appena sfornato uno fresco fresco in un commento dato testè nel mio blog: ho scritto “nemico giurato” 😉

  18. iara R.M.

    Peccato, domani giornata lunga fino alle 19.
    Lasciatemi qualche coppia da scoppiare ^_^

  19. Prima che mi sfugga dalla testa:
    Circo mediatico

  20. Grilloz

    Però in realtà alcune sono coppie tecnice, abusate perché non si può esprimere il concetto in modo diverso, insomma qualche matrimonio sarà anche noioso ma arriva alle nozze d’oro con lo stesso entusiasmo, o no?

  21. Arrivo un po’ in ritardo…
    Comunque:
    gioco pericoloso
    arma bianca
    servo fedele
    amico fidato
    rumore assordante
    (questi in realtà derivano da due verbi)
    sangue marcio
    sangue amaro
    vita vuota
    giornata piena
    acerrimo nemico
    …. e poi ne penso altri! 😉

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...