Per questo post titolo cercasi

foto_gente_tramonto_hd_3

«L’unico modo di parlare del niente è di parlarne come se fosse qualcosa».

Samuel Beckett

Annunci

35 commenti

Archiviato in Note a piè di pagina

35 risposte a “Per questo post titolo cercasi

    • Un attimo dopo aver pubblicato la citazione mi è venuto in mente Tale e quale a Vacchi, ma anche solo Gianluca Vacchi. Sotto vuoto spinto mi piace, ma forse è troppo raffinato, un po’ freddo. Contrapporre il vacchismo all’assurdo di Beckett mi sembra più banale ma efficace. Fa più audience… Altre idee?

      • Gianluca Vacchi, altro che Carneade: ho dovuto chiedere a Google. OMG, sono proprio “out”.

      • Gianluca Vacchi è il nulla del momento, da scrittore non devono sfuggirti questi personaggi.

      • Il nostro è nato a Bologna, ergo:
        “Tronista di piade”

        (questa però è di cinque sponde…)

      • Vedi? Gianluca Vacchi non va bene, tu non conosci le sue gesta e il titolo non ti direbbe nulla. Ti manca il riferimento «culturale» social. Diamo spesso per scontate notizie e informazioni che scontate non sono. Per ora il migliore mi sembra Niente da dichiarare per l’ambiguità della frase. Non ho niente da dichiarare o dichiaro il niente?

  1. tizianabalestro

    L’unico modo di parlare… è iniziare a farlo.

  2. Il Nulla ha quasi distrutto Fantàsia! Chiamalo niente tu!

  3. tizianabalestro

    Titolo :
    1) Niente da dichiarare.
    2) Il silenzio che parla.

    Devo pensarci…

    • Niente da dichiarare mi piace, gioca sulla doppia interpretazione che puoi dare al titolo. Il silenzio che parla è un ossimoro, quindi è sempre interessante. Ma è un po’ leggero e scontato. Silenzio e nulla sono due concetti solo in parte sovrapponibili, ma fondamentalmente diversi. Meglio la prima.

      • tizianabalestro

        Qualcosa di scontata mi viene. Si va per tentativi. Tanto ritorno.
        P.s. = Mi piace.
        N. B. = Mi hai acceso una lampadina. Il titolo non deve essere troppo scontato. Si gioca tutto lì. Devo cambiarlo, prevedo.

  4. tizianabalestro

    Hai ragione, il titolo è importante.
    Io scrivo man mano che mi viene in mente qualcosa.

    3) Dire tutto o niente.
    4) Il peso delle parole.
    5) Qualcosa da dire.

  5. chiarasole1981

    Nichilismo postmoderno
    Nulla è tutto

    … mo’ ne penso altri. 😉

  6. Dovresti leggere Pedro Freitas per trarre ispirazioni utili alla tua causa:
    lui sì che sa scrivere interi “romanzi” (virgolette d’obbligo) parlando di niente… 😀

    • Potremmo intitolarlo: “Prometto di non dirvi niente” 😉

    • Per carità, Darius, rinnovi ferite ancora aperte! 😉

      • chiarasole1981

        Volete farvi un giro nella sala fumatori dell’azienda in cui lavoro?
        Lì sì che si parla di niente…

      • Pensavo a questo: se c’è un essere geneticamente predisposto a parlare del nulla è l’uomo. Fin da piccolo, con la storia del calcio, si abitua ai discorsi da bar o spazio fumatori. Anche i giochi con le pistole: bang! bang!

        Invece le bambine hanno le bambole, che ci devi parlare, anche per picchiarle. Mia sorella alla Barbie le diceva brutte cose e gli mordeva i piedi, così è cresciuta con dei pensieri in testa. Ma i maschi, solo calci al pallone, tutti giochi di piedi, niente testa. Ergo, il nulla. Se Beckett era donna con cavolo che scrivere dell’assurdo, magari guidava la protesta femminista, lottava per i diritti.

      • Su questo ci sarebbe da scrivere un romanzo…

      • … allora, Marina, non leggere il mio ultimo post… 😀

      • tizianabalestro

        E allora “Niente da dichiarare”, non ” nulla”. È sempre buona regola prendere almeno una parola dal testo. Sembra scontato ma non lo è. Se ci fai caso era la mia prima opzione. Era una risposta di getto, forse non così sbagliata se porta ad un risultato. 😊

  7. iara R.M.

    Il niente è servito.

    (Niente da dichiarare, piace anche a me.)

  8. iara R.M.

    Niente (è) di troppo.

    (Mannaggia, resterò sveglia a pensare di niente!)

  9. tizianabalestro

    Le parole sono tutto quello che abbiamo.

    Samuel Beckett.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...