Senza limite

Al limite, prendi una mia frase e scrivila sul muro della scuola Santa Rosa, dove stanno i matti.

Anonimo

 

Post scriptum: La pazzia compare quando si supera un limite sociale invalicabile. Tutto quanto vive oltre quel limite, in un dato periodo storico, è considerato segno di pazzia. Ma chi ci osserva da oltre quel limite, ci vede soddisfatti al di qua del limite, e ci considera come altrettanti e poco ambiziosi matti. Per questo nel perimetro della Scuola Santa Rosa si può scrivere da entrambi i lati delle mura esterne che la racchiudono. Quelli che scrivono da fuori dovrebbero, in base alle convenzioni sociali in un dato periodo storico, essere i mentalmente sani. Ma per me sono altrettanti e più ambiziosi matti.

Annunci

5 commenti

Archiviato in Moleskine

5 risposte a “Senza limite

  1. I due lati del muro? Povero illuso: tutte le notti prendo la scala e mi ci siedo sopra a cavalcioni, sul tuo bel muro. E lassù, sopra quel bel muro di MATTONI, ci ho scritto il mio romanzo:
    Il mattino ha l’oro in bocca
    Il mattino ha l’oro in bocca
    Il mattino ha l’oro in bocca
    Il mattino ha l’oro in bocca
    Il mattino ha l’oro in bocca
    Il mattino ha l’oro in bocca
    Il mattino ha l’oro in bocca
    Il mattino ha l’oro in bocca
    Il mattino ha l’oro in bocca
    Il mattino ha l’oro in bocca
    Il mattino ha l’oro in bocca
    Il mattino ha l’oro in bocca
    Il mattino ha l’oro in bocca
    Il mattino ha l’oro in bocca
    Il mattino ha l’oro in bocca
    Il mattino ha l’oro in bocca
    Il mattino ha l’oro in bocca
    Il mattino ha l’oro in bocca
    Il mattino ha l’oro in bocca
    Il mattino ha l’oro in bocca

  2. Simona C.

    Le mura della tua scuola, infatti, non sono lì per separare chi sta dentro e chi sta fuori, ma perché ci scrivano tutti.

  3. Io abito a due passi da Viterbo e infatti ho potuto visitare sia la casa natale di Santa Rosa sia la chiesa dove è conservato il suo corpo.
    Ma la scuola nessuno sa dove è…

    • Tiziana

      Ariano, anch’io abito in zona.
      Credo che quella scuola è di fantasia, per non prendersi sul serio, se non sto dicendo una sciocchezza.
      Santa Rosa per i viterbesi è qualcosa di importante e serio, come sai.
      La venerazione è tanta. La macchina di Santa Rosa ne è un esempio.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...