Diritti del lettore (ma non è Pennac)

1. Leggere quello che ti pare.

2. Leggere nel formato che ti pare.

3. Leggere libri definitivamente conclusi.

4. Leggere per apprendere, ma anche no.

5. Abbandonare il libro se è brutto.

6. Criticare il libro se è brutto.

7. Fregarsene dell’autore. Conta solo quello che c’è scritto sulla pagina.

8. Fregarsene di critici e recensori. Conta solo quello che tiri fuori tu dal libro o quello che tira fuori il libro da te.

9. Fare del libro che hai acquistato quello che ti pare: regalarlo, prestarlo, rivenderlo, bruciarlo.

10. Decidere anche di non leggere.

Annunci

5 commenti

Archiviato in Leggere

5 risposte a “Diritti del lettore (ma non è Pennac)

  1. L’atto del bruciare e forse un po’ eccessivo…

  2. Bruciare a volte è catartico, ma non ho mai osato.
    Aggiungo, per me:
    – Leggere anche sapendo che è inutile farlo
    – Leggere anche sapendo che non è letteratura

    • Eh, sì. Entrambe le tue aggiunte mi sembrano coincidere con le mie. Leggere quello che si vuole e senza nessuna finalità pratica. Bruciare un libro, perché no? Almeno una volta nella vita…

  3. Grilloz

    Al punto 9. vale anche usarlo per ripianare un tavolo sbilenco?

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...