Ma l’autoeditore sa essere autoironico?

Un autore indipendente all’apice del successo

Annunci

9 commenti

Archiviato in Fenomeni editoriali

9 risposte a “Ma l’autoeditore sa essere autoironico?

  1. Simona C.

    Pure? Non è che si può essere auto-tutto!
    No, no, qui solo scelte ponderate e grande consapevolezza, mica si buttano copertine nere a casaccio su Amazon 🙂

    • La black cover, magari con relative titolazioni in nero, potrebbe essere il modus operandi dell’autoeditoreironico. Ci sono ma mi nascondo, quindi non ci sono per tutti perché scelgo di esserci per pochi, ma buoni, e con la vita buona. Pochi ma buoni e con la vista buona è una strategia vincente ma da outsider, perché vincente vincente è troppo simile all’editoria tradizionale, e non mi va.

      • Michele Scarparo

        Nero su nero? Mi ricorda Rodari, con le sue squadre di calcio in maglia bianca a righe bianche. Eppure lo hanno già fatto per davvero: Metallica, The black album.

      • Credo che l’autoironia di Simona richiamasse esattamente l’album che hai citato… scelte ponderate a casaccio.

    • Simona C.

      Ecco, pensavo proprio: se ora Michele cita i Metallica muoio! 😀

  2. Simona C.

    Secondo me, in questa “fase storica” del self nessuno ha ancora risposte all’altezza delle domande di Helgaldo. Possiamo ragionarci insieme, discuterne come questi post invitano a fare, c’è spazio per sperimentare nuove forme (penso agli esempi di un commento di Michele) e può darsi che in futuro questo fenomeno si evolva davvero in una strada alternativa all’editoria tradizionale o in qualcos’altro che adesso non so prevedere.
    Non ho le idee chiare come i sostenitori accaniti che parlano di rivoluzione e indipendenza, di reazione a una crisi, e nemmeno come i detrattori totali che si lamentano del crollo della qualità. Io penso al self sicuramente con troppa leggerezza, ma regole e parametri si stanno ancora formando e trovo che sia un po’ presto per dare giudizi e risposte sensate. Hel, dovrai aspettare la prossima generazione di selfer per soddisfare le tue curiosità. 🙂

    • Ma no, speriamo in quella più vicina, in quella generazione tra i venti e i trenta che cerca di pubblicare con un editore, ma è già matura per il digitale. Spero nel doppio binario: chi pubblica in tutti e due i modi in base al tipo di scritto che sta producendo. E non mi limito solo alla narrativa, mi piacerebbe che nascesse una generazione di saggisti in self-publishing, ma con il rispetto delle fonti tipiche della saggistica tradzionale. Penso ai giovani professori universitari, assistenti, ricercatori. Molti testi che non hanno una collocazione forte presso l’editore potrebbero venire alla luce come produzioni autonome, ma scientificamente rigorose. Ma è possibile?

      • Simona C.

        Sarà possibile quando saranno maturi i tempi e anche gli scrittori, forse prima di quanto credo io, ma di certo non stasera.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...