Archivi tag: Walsh

Lavori forzati

foto_container

«Scrivere è un lavoro duro, e Dio vi aiuti se pensate che non lo sia».

Pat Walsh

Annunci

2 commenti

Archiviato in Arti e mestieri

Scrivere per il dimenticatoio

foto_illustrazione_fiori_hd_1

«Il bravo scrittore ci fa dimenticare che stiamo leggendo. Quelli poco dotati non fanno che ricordarci che quelle che abbiamo di fronte sono soltanto parole su una pagina».

Pat Walsh

Lascia un commento

Archiviato in Arti e mestieri

Smancerie editoriali

foto_limone

«In linea di massima i vezzi si dividono in due categorie: i vezzi brillanti e i ricercati. I primi tendono a comparire nei dialoghi, quando per esempio un personaggio ha un’uscita particolarmente pregnante ma del tutto fuori luogo, cioè senza che la situazione o la sua stessa natura la giustifichi. I vezzi ricercati di solito compaiono nelle parti descrittive, spesso nelle metafore, quando tutto d’un tratto la scrittura fa una strana impennata e il lettore resta lì a domandarsi perché».

Pat Walsh

Lascia un commento

Archiviato in Arti e mestieri

Defenestrazione

foto_finestra_hd_1

«Poi ci sono quelli che condiscono la loro prosa con frasi démodé e parole desuete per darsi un tono. A questi dico soltanto: o la piantate di essere così pedanti, oppure buttatevi dalla finestra».

Pat Walsh

Lascia un commento

Archiviato in Arti e mestieri

La gioia di scrivere

foto_halloween_hd_1

«Quando un autore prova gioia nel creare la sua opera, questo trasparirà da ciò che scrive, anche se si tratta di un manuale di economia e di un altro testo che prevede la semplice e diretta trasmissione di informazioni. Digeriamo più volentieri le informazioni più ardue se abbiamo la sensazione che lo scrittore sia contento di raccontarci ciò che sa».

Pat Walsh

2 commenti

Archiviato in Arti e mestieri

Scarafaggi

foto_libro_antico

«Uccidere i propri vezzi non è piacevole ed è una di quelle cose che rendono così difficile l’arte della scrittura, però è necessario. Ogni autore, prima o poi, è costretto a farlo. I vezzi spuntano in ogni prima stesura di ogni libro di cui faccio l’editing. Ci tiro una riga sopra per far capire che andrebbero eliminati e, immancabilmente, quando mi tornano le bozze dall’autore, le creature moleste sono ancora tutte lì. Ormai non mi stupisce neanche più: i vezzi sono molto resistenti, come gli scarafaggi. Resistono da una versione all’altra perché lo scrittore se ne è innamorato; magari è disposto a tagliare intere scene, ad asciugare la trama, a rinunciare a qualche personaggio, ma a eliminare i vezzi no. Quello mai».

Pat Walsh

Lascia un commento

Archiviato in Arti e mestieri

Il mestiere più bello del mondo

foto_libri_chiesa

«Quello dello scrittore è il mestiere più bello del mondo, perciò è giusto sia anche il più difficile. Essere pubblicati non dovrebbe essere una cosa troppo facile. Immaginate per un attimo che lo fosse: ogni persona in possesso d’una macchina per scrivere o di un computer e di un po’ di tempo libero, avrebbe un libro in fase di pubblicazione. In pratica, vivremmo in una discarica letteraria. Le persone che amano leggere dovrebbero passare al setaccio centinaia di libri pessimi per trovarne uno passabile, e centinaia di libri passabili per trovarne uno grandioso.
Be’, in effetti questo è proprio il lavoro che faccio io».

Pat Walsh

Lascia un commento

Archiviato in Arti e mestieri