Come scrivere un best seller in 57 giorni

foto_bambino_calendario_hd

A dispetto del titolo, Come scrivere un best seller in 57 giorni di Luca Ricci non è un manuale di scrittura creativa, anche se vi troverete parecchi consigli di scrittura a patto che il vostro obiettivo sia scrivere un best seller dai tanti milioni di copie vendute. Tra l’altro alcuni di questi consigli vi hanno tenuto compagnia sul mio blog nelle scorse settimane, e li troverete tutti taggati qui a destra con lo stesso titolo del libro.

Ma se Come scrivere un best seller non è un manuale di scrittura, che cos’è allora? È una lotta contro il tempo da parte dei protagonisti di questo romanzo che sbeffeggia un certo tipo di scrittore, magari proprio voi, per elogiarne un altro: quello che pensa a fare i soldi con l’editoria e quindi produce dei best seller anziché grande letteratura.

Per riuscire a scrivere un best seller serve un cambio di prospettiva che non tutti sono in grado di realizzare, a meno che…

A meno che non si sia costretti per aver salva la vita a scrivere un best seller in 57 giorni. Può esistere motivazione più potente di questa per scrivere un best seller?

Annunci

9 commenti

Archiviato in Arti e mestieri

9 risposte a “Come scrivere un best seller in 57 giorni

  1. Grilloz

    Sai che ero convinto che fosse un saggio?
    “– Dobbiamo scrivere un romanzo sentimentale, alla Via col vento, guerra di secessione e amori tormentati, soldati e corna. – Ambientiamolo nel medioevo, alcuni alieni rapiscono un gruppo di monaci, un romanzo di fantascienza retroattiva. – Io scriverei un western ambientato ai giorni nostri, dove i duelli con le pistole si svolgono a Wall Street, dopo un conflitto nucleare. Io avanzai l’ipotesi di un thriller con protagonista un anatomopatologo. Avevo sentito dire che gli anatomopatologi andavano per la maggiore nei best seller, anche se avrei avuto qualche problema a spiegare quale professione svolgessero di preciso…”
    A me sembra carino, lo metto in lista 😉

  2. Quest’anno invece del NaNoWriMo puntiamoci direttamente una pistola alla tempia e vediamo se ci motiva a dovere!

  3. chiarasole1981

    Sembra un romanzo ironico e piacevole: approfondirò. 🙂

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...