Archivi tag: Citazioni

Aforisma

«Saggezza predigerita».

Ambrose Bierce

 

3 commenti

Archiviato in Fenomeni editoriali

Scribacchino

«Scrittore professionista le cui vedute sono in disaccordo con le nostre».

Ambrose Bierce

 

2 commenti

Archiviato in Note a piè di pagina

Matto (sost. masc.)

Affetto da un alto grado di indipendenza intellettuale; non conforme ai modelli di pensiero, parola e azione, che la maggioranza ricava dallo studio di se stessa. In poche parole, diverso dagli altri.

Ambroge Bierce

 

Post scriptum: leggere quanto prima tutto Bierce.

 

Lascia un commento

Archiviato in Note a piè di pagina

Operazione di pulizia

«Qualunque oggetto intenda descrivere, uno scrittore dovrebbe riuscire a mostrarcelo come se ci apparisse davanti per la prima volta, ossia ripulito dagli stereotipi».

Matteo Marchesini

3 commenti

Archiviato in Arti e mestieri

De crowdfundingbus

Invece la richiesta che mi faceva era che lui aveva pensato a un romanzo molto ambizioso che aveva cominciato una campagna di crowdfunding se lo potevo aiutare, mi aveva chiesto, e mi aveva riassunto anche la trama del romanzo io non ero stato attento mi ero fermato alla parola crowdfunding. Che il crowdfunding, se non mi sbagliavo, era una cosa che funzionava così: uno che voleva fare un film, un libro o un disco si rivolgeva ai suoi lettori, spettatori o ascoltatori e chiedeva i soldi a loro. Dopo, quando aveva poi i soldi, se arrivava ad averli, faceva il film, il libro o il disco, se non ci arrivava, cioè se non si era raggiunta la cifra che serviva, i soldi tornavano indietro a chi li aveva offerti.
Ecco, secondo me, quando uno comincia a scrivere, il fatto che tutto il tempo si dedica alla scrittura possa essere, forse, del tempo buttato via, il fatto che se non trova, alla fine, una casa editrice disposta a spendere dei soldi per pubblicare le cose che lui sta provando a scrivere, il fatto che quelle ore che passa, tutti i giorni e tutte le notti, a provare a mettere insieme qualcosa di sensato possano essere, anche, delle ore buttate via, ecco questo fatto per me era un fatto positivo, che dava, a quei tentativi, un carattere disperato del quale secondo me poteva esserci anche bisogno. Se ci fosse stato il crowdfunding, per esempio, ai tempi di Kazimir Malevič, e Malevič avesse mandato una mail alla sua mailing list dicendo che voleva fare un quadro dove c’era un quadrato nero su fondo bianco, e che aveva bisogno di duemila euro, ecco probabilmente non avrebbe convinto molta gente a finanziarlo, e noi, forse, saremmo senza suprematismo e senza arte astratta. O se ci fosse stato il crowdfunding ai tempi di Honoré de Balzac, e Balzac avesse scritto alla sua mailing list che gli era venuto in mente di continuare, in prosa, La divina commedia di Dante Alighieri e di fare una serie di romanzi che si sarebbero chiamati La comédie humaine e dove i personaggi ritornavano di romanzo in romanzo, ecco non so quanti conoscenti di Balzac l’avrebbero finanziato, e La comédie humaine probabilmente non sarebbe esistita il mondo sarebbe diverso, in un certo senso. Che io, non so, una volta, l’estate scorsa, si votava nel comune dove abito io, Casalecchio di Reno, e mi avevano suonato alla porta due ragazzi per convincermi ad andare a votare per il candidato del Partito democratico e io gli avevo detto che c’era un requisito minimo, per ottenere il mio voto: non avere la faccia tosta di candidarsi. Uno che non si candida, potrei anche votarlo, gli avevo detto, uno che si candida no. Allo stesso modo, avevo detto a Igor Miti, c’era un requisito minimo, per far sì che io fossi disposto a finanziare un’opera d’arte, cioè che l’artista (regista, scrittore o musicista che sia) non avesse la faccia tosta di chiedermi di finanziarlo. Se non me lo chiedono, potrei anche finanziarli, se me lo chiedono no, gli avevo detto, e Igor Miti aveva messo giù e non mi aveva più telefonato.

Paolo Nori, Manuale pratico di giornalismo disinformato, Marcos y Marcos

4 commenti

Archiviato in Fenomeni editoriali

Antiche pazzie

Libri quosdam ad scientiam, quosdam ad insaniam deduxere (*)

Francesco Petrarca

 

Post scriptum: (*) I libri fecero diventare dotti alcuni, pazzi altri.

Fin dai tempi antichi librai e psichiatri hanno un grande problema in comune: i primi cercano come matti nuovi spazi dove esporre i libri, i secondi nuovi ambienti dove riporre chi li ha scritti.

2 commenti

Archiviato in Moleskine

Di cosa si parla quando si parla di ispirazione

A un certo punto scrisse una canzone: Quelli che.

Una canzone rivoluzionaria per la scrittura: si arrivava da cantautori che scrivevano canzoni molto raccontate, c’era sempre una storia, tipo «lunga e dritta correva la strada…» (con l’eccezione di De Gregori, che usava immagini molto più vicine alla poesia). Mentre io cercavo la sintesi, l’impazienza del rock.

Quella fu, secondo me, la prima volta di una canzone tutta svolta intorno a una frase, quasi uno slogan come piaceva a me: «quelli che vomitano», «quelli che non si divertono mai neanche quando ridono», eccetera. Penso mi abbia ispirato quando mi è venuta in mente l’idea di Siamo solo noi.

Vasco Rossi

 

10 commenti

Archiviato in Fenomeni editoriali